La rom Ael contro l’intolleranza xenofoba

Era una vergogna da cancellare. Una delle pagine più nere e devastanti della storia recente di Napoli.

Era maggio del 2008 quando la comunità Rom di Ponticelli fu costretta a scappare. I loro campi bruciati di notte con la benzina.

Una furia d’intolleranza e razzismo xenofobo. Ci fu anche lo zampino della camorra che attuò tra l’indifferenza della città un vero e proprio programma.

A distanza di sette anni  il quartiere Ponticelli torna a sorridere.

Dove fu appiccato il fuoco ora è sorto un maxi-graffito di Jorit Agoch. L’opera si estende per l’intera facciata di un palazzo di 20 metri in via Aldo Merola. L’arte – insomma – supera i disordini nel quartiere e il pogrom.

murale1
La foto è a cura di Carmine Luino

La street art come monito e messaggio di speranza. Un’impronta indelebile sui muri della città, per alzare gli occhi e riflettere sul nostro presente.

L’affresco rappresenta Ael, una Rom che con i suoi occhi grandi da bambina guarda il quartiere di Ponticelli e dall’alto sorride.

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

Facebook0
Twitter
Google+
http://www.ladomenicasettimanale.it/2015/05/22/la-rom-ael-contro-lintolleranza-xenofobo/
RSS
Scroll Up