No baby gang, sì a baby song. Al Rione Forcella nasce l’orchestra dei giovani  Al rione Forcella invece di impugnare pistole e coltelli, s'imbracciano chitarre, violini e bassi

Dallo spazio di Piazza Forcella, dedicato alla memoria della giovane Annalisa Durante, parte il messaggio con cui istituzioni e società civile vogliono dire ai giovani: ‘Dite no alle baby gang e sì alle baby song’. Edè una vera e propria piccola orchestra quella che sta nascendo nello spazio sociale del Rione Forcella dove oggi sono stati consegnati a un gruppo di bambini gli strumenti musicali con cui, sotto la guida degli insegnanti, e mettendoci impegno e passione potranno avvicinarsi alla musica e studiare per provare un domani a diventare grandi musicisti.

”Dobbiamo fare di tutto – ha detto l’assessore alla Cultura del Comune, Nino Daniele – per offrire un’opportunità culturale ai giovani e ai bambini per evitare che imbocchino la via della distruzione e dell’auto distruzione e crediamo che le arti e in questo caso la musica siano la strada giusta”.

I laboratori musicali sono promossi dall’assessorato alla Cultura dell’ Amministrazione comunale e dall’associazione Annalisa Durante in collaborazione con ‘I ragazzi di Scampia’, ‘Zonta international club’ e ‘l’istituto comprensivo ‘Ristori’.

Alle lezioni, cominciate lo scorso mese di ottobre, partecipano circa 60 ragazzi di eta’ compresa tra i 9 e i 16 anni che oggi hanno ricevuto chitarre, bassi, clarinetti, percussioni, violini che non solo dovranno imparare a suonare, ma dei quali si dovranno prendere cura.

I ragazzi, infatti, non troveranno gli strumenti musicali nella sala in cui svolgono la lezione, ma li porteranno con loro a casa.

”Credo – ha aggiunto Daniele – che l’affidare lo strumento nelle mani dei ragazzi sia formativo e importante anche dal punto di vista educativo e pedagogico”.

A donare gli strumenti musicali sono stati gli imprenditori Vincenzo Varriale e Nicola Cavallo, promotori della kermesse ‘Baccalare”.

Varriale e Cavallo hanno infatti utilizzato parte del ricavato di ‘Baccalare’ itinerante, circuito che prelude alla manifestazione estiva in programma sul lungomare Caracciolo a maggio, per l’acquisto degli strumenti.

”L’obiettivo – ha affermato Varriale – è riuscire a far capire ai giovanissimi che bisogna dire no alle baby gang e si’ alle baby song, affinche’ si dica no alla violenza e sì alla cultura, al vivere civile. Crediamo – ha proseguito – che impegnarsi in favore della città e dei suoi ragazzi sia un nostro dovere. L’imprenditoria deve essere al fianco delle istituzioni e delle persone perbene”.

Dagli imprenditori l’invito ai giovani orchestrali, che saranno diretti da Carlo Faiello, a esibirsi sul lungomare Caracciolo il prossimo maggio in occasione della seconda edizione di Baccalare.

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

Facebook0
Twitter
Google+
http://www.ladomenicasettimanale.it/2018/02/08/no-baby-gang-si-baby-song-napoli-nasce-orchestra-giovani/
RSS
Scroll Up