Nel Mezzogiorno c’è maggiore povertà

Reading Time: < 1 minute La fotografia drammatica. Dati scritti nero su bianco con metodo scientifico. Quasi due milioni di famiglie vivono in assoluta povertà, cifre che dicono anche che rispetto al 2018 non si registrano miglioramenti sostanziali.

0 0
Reading Time: < 1 minute

La fotografia drammatica. Dati scritti nero su bianco con metodo scientifico. Quasi due milioni di famiglie vivono in assoluta povertà, cifre che dicono anche che rispetto al 2018 non si registrano miglioramenti sostanziali.

L’Istat certifica che la povertà assoluta si concentra soprattutto nel Mezzogiorno (10%), contro il 5,8% del Nord e il 5,3%, e tra gli stranieri, tra i quali sale al 30,3% contro il 6,4% degli italiani.

Povere, in particolare, le famiglie numerose e quelle con un solo genitore, mentre si presenta in media decisamente migliore la situazione delle famiglie all’interno delle quali la persona di riferimento è istruita, ha un titolo di studio elevato, una posizione lavorativa buona.

Le famiglie in condizioni di povertà relativa nel 2018 sono invece poco più di 3 milioni (11,8%), quasi 9 milioni di persone (15,0% del totale).

C’è una grande questione irrisolta, il Mezzogiorno, abbandonato e stretto ormai nella deriva settentrionale.

Un pezzo del Paese considerato e percepito come una vera e propria zavorra.

Consulta : Presentazione rapporto 2019

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi