Privacy Policy

Berlino premia Oli d’Italia – Sabino Basso Selezioni con il NACD Packaging Award

Dopo il Pentaward di New York il nuovo riconoscimento arriva da Berlino, dove il design della nuova linea Basso è stato premiato con il prestigioso NACD Packaging Award, riconoscimento ideato e promosso dalla americana National Association of Containers Distributors, che seleziona e premia i packaging più innovativi lanciati sul mercato.

Nel caso di ‘Oli d’Italia – Sabino Basso Selezioni”’ sul podio l’innovativa bottiglia, unica per design e funzionalità tanto da essere stata anche tutelata con un apposito brevetto.

‘Oli d’Italia’ nasce da una intuizione di Sabino Basso che, ad inizio 2018, ha pensato di creare una linea di prodotto d’élite, con l’obiettivo di raccogliere il meglio della produzione olivicola del Sud Italia attraverso un’accurata selezione dei migliori oli IGP e DOP provenienti da Campania, Sicilia, Puglia e Calabria, per trasformarli in una gamma di oli extravergine di oliva premium.

“La linea Sabino Basso è il punto di arrivo di un percorso lungo ed articolato – afferma Sabino Basso, amministratore unico della Basso Fedele & Figli s.r.l. –. Dopo 35 anni di lavoro intenso sono arrivato alla conclusione di mettere faccia, nome e cognome su una linea di prodotto”.

“L’azienda negli anni ha scalato gli share di qualità sui prodotti base: era il momento di realizzare qualcosa che fosse top, una linea di oli di alta qualità con packaging dal design accattivante e contemporaneo, che facesse da testimonial in giro per il mondo della grande produzione olivicola italiana. Abbiamo immaginato una linea di prodotti fortemente legata alle esigenze di mercato attuali” – aggiunge –

“Il futuro di questa linea è infatti rappresentato senza dubbio dal mercato e-commerce, per arrivare direttamente al consumatore. L’azienda finora ha sempre venduto a distributori, grande distribuzione importatori. Oggi vogliamo arrivare direttamente nelle case dei nostri consumatori, senza intermediari”. – sottolinea Sabino Basso –

“Quando ero bambino il contadino portava la bottiglia di latte davanti la porta di casa. Poi sono arrivato gli ipermercati e i supermercati; oggi con l’e-commere, seppur utilizzando le nuove tecnologie, tornerà la bottiglia di latte davanti la porta di casa. Potrà essere un latte di provenienza internazionale, ma il servizio sarà lo stesso di 50 anni fa”.

“Il mondo sta cambiando, oggi il consumatore può avere un’infinità di prodotti senza muoversi da casa. L’obiettivo è farlo appassionare all’alta qualità dei nostri prodotti e questo rappresenta un progetto estremamente interessante e stimolante” – conclude Sabino Basso .

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

Facebook0
Twitter
RSS
Scroll Up