L’addio a Luciano De Crescenzo: “Grazie Professore anche da Natasha”

Manca poco. Il grande Luciano De Crescenzo oggi è tornato nella sua amatissima Napoli per ricevere l’abbraccio della sua gente.

Alla Basilica di Santa Chiara è tutto pronto. Sarà Padre Giovanni Paolo Bianco, a celebrare tra un’ora la celebrazione per dare l’ultimo saluto al professore Bellavista.

Luciano De Crescenzo

Sarà una funzione breve e solenne ma gioiosa perché Luciano De Crescenzo era ed è una persona d’amore.

La scomparsa a 90 anni dell’ingegnere, filosofo, attore, professore, regista e scrittore ha già fatto un miracolo far riscoprire ai napoletani la sua grandezza.

E alle nuove generazioni di conoscerlo e piombare nel suo mondo incantato quello del film “Così parlò Bellavista”, “Il mistero di Bellavista” e “32 Dicembre”.

E nei pressi della Basilica di Santa Chiara è stato affisso uno striscione che sembra davvero uscito dalle sue pellicole: “Grazie Professore!” firmato “Gli artisti napoletani…anche Natasha”.

Il riferimento è all’indimenticabile ragionamento di Benedetto Casillo rispetto all’uso della cocaina tra i giovani e il costo della dose.

Napoli piange il ‘suo’ professore filoso, che meglio di molti ha saputo dare voce e interpretato l’humus di un popolo unico che nelle epoche bistrattate ha saputo affrontare tutto ed è sopravvissuto sviluppando quell’ironia amara di difesa, quell’anarchia e filosofia che al di là delle bruttezze ha fatto conoscere i partenopei i tutto il mondo.

E quel cavalluccio rosso acquistato a piazza Mercato da Riccardo Pazzaglia nel film ‘Così parlò Bellavista’ è l’emblema di una certa Napoli che nonostante tutto resiste e vive.

Tanti i messaggi sui social di partenopei dedicati al grande e soave Luciano De Crescenzo. Ecco Michele : “Espressione della vera e genuina napoletaneità, capace di esprimersi anche con quel piglio di cultura universale nelle citazioni filosofiche”.

E Gennaro: “Napoli più forte dei napoletani” – Napoli possibile ancora di salvezza dell’umanità.Grande tifoso del Napoli, perché innanzitutto tifoso della città. Addio grande napoletano! Ti ricorderò sempre con orgoglio per la tua viscerale napoletanità”.

E ancora Ciro: “Sono cresciuto con la sua ‘Storia della filosofia greca’. Grazie Luciano”. Silvana: “Siamo angeli che abbiamo un’ala sola e per volare ..dobbiamo farlo abbracciati ad altri. Grande Luciano”. E Pasquale : “Ci ha lasciato un grande in tutti i sensi”.

Pier Paolo Milanese

Leggi anche Napoli abbraccia

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

Facebook0
Twitter
RSS

ASCOLTA LE ULTIME NOTIZIE

Scroll Up