Salvini è con Zingaretti: “Riconosco al segretario del Pd la coerenza nel non voler fare inciuci con il M5S”

Dopo aver annunciato la mozione di sfiducia al governo si è immerso nel suo Estate Italia beach nel meridione d’Italia. È partito a razzo Matteo Salvini.

Se le prime tappe sono state un trionfo più problematici sono stati gli appuntamenti in Calabria e in Sicilia. Il capo del Viminale si è visto crescere attorno il fronte della contestazione che ha toccato il suo apice a Siracusa e a Catania tanto da far intervenire più volte la polizia.

Sembra che la spavalderia e la sicurezza di Salvini con il trascorrere delle ore stia scemando. Inquieta il tam tam delle notizie provenienti da Roma.

C’è un clima da inciucio e se davvero in Parlamento si trovasse l’intesa e una maggioranza allora non è detto che la legislatura sarebbe finita.

Il capo del Viminale non può far altro che infilarsi nelle divisioni che stanno emergendo nel Pd e riconoscere al segretario dei dem la coerenza.

“In questo momento mi sembra molto più coerente Nicola Zingaretti: tutto il Pd ha insultato per un anno Di Maio, Conte, Fico, è coerente dire che dopo questo governo c’è il voto”.

L’aver rovesciato il tavolo e accelerato la crisi di governo doveva rappresentare il colpo a sorpresa per destabilizzare il sistema e indurre un ritorno alle urne.

Il leader leghista vuole andare al voto subito e boccia ogni ipotesi di accordo e inciucio fra dem e grillini.

La Lega vuole capitalizzare il grande consenso e quindi sceglie la via istituzionale rivolgendosi con un appello al presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

“Ho totale fiducia e rispetto del presidente Mattarella, che mi sembra abbia ben chiaro il bene dell’Italia. Ha in mano la situazione”, taglia corto Salvini in costume proprio dalla Sicilia dove per l’ennesima volta ha baciato il Rosario.

E già a prima mattina Salvini invia un tweet che suono come una nuova dichiarazione di guerra: “Inciuci, giochetti di palazzo, governi tecnici o ‘di scopo’ (?) non fermeranno la voglia degli Italiani di un governo finalmente forte, chiaro, libero, per tornare a correre, per l’Italia dei SÍ. Ci stai???”.

Poi sempre via social condisce il suo no con una buona dose di promesse per il futuro: “Tasse ridotte al 15% per milioni di lavoratori italiani, pace fiscale con Equitalia per milioni di Italiani, nessun aumento dell’Iva ma riduzione delle tasse sulla casa. La nostra manovra economica è già pronta, a Renzi interessa solo perder tempo per salvare la poltrona”.

Poi annuncia un incontro a breve con Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi: “Penso che già la settimana prossima ci ritroveremo con gli alleati per le regionali, ovviamente si parlerà anche di altro”.

Giulia Rosati

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi