Rula Jebreal e il suo monologo che umilia Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia

Il monologo di Rula Jebreal al Festival di Sanremo è stato il momento più alto suscitando nel pubblico grande emozione e commozione.

“Che non si chieda mai più, però, a una donna che è stata stuprata: ‘Com’era vestita, lei, quella notte?'”.

E pensare che c’era chi come Giorgia Meloni, segretari a di Fratelli d’Italia che ospite nello studio di ‘Non è l’Arena’ aveva criticato la scelta della rai di coinvolgere la giornalista e addirittura polemizzato sull’opportunità di farla intervenire.

“Se Rula Jebreal va al Festival di Sanremo a spese dei contribuenti a fare un monologo senza contraddittorio non mi sta bene” – attacca la Meloni -.

“Benigni è un artista, andava al Festival di Sanremo a recitare Dante. Rula Jebreal non fa parte del mondo dello spettacolo”. Ecco dopo il monologo di ieri sera della giornalista la Meloni farebbe bene a chiedere sommessamente scusa.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

2 2
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
100 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi