Salvini: “Prometto di fare pulizia a Mondragone. Quelli che attaccano le forze dell’ordine sono complici dei camorristi”

“Sono complici della camorra quelli che ci impediscono di parlare, delinquenti che hanno aggredito le forze dell’ordine. La democrazia non prevede la violenza” – grida Matteo Salvini -.

“Mondragone ha diritto alla normalità e alla sicurezza. Le mamme hanno il diritto di crscere i prorpi figli nella normalità. Casa per casa, citofono per citofono occorre trovare quelli che delinquono”.

E poi la promessa: “Tornerò qui e non dirò niente a nessuno. Chiedete ai teppisti perchè impediscono di farci parlare. Porteremo un po’ di puizia all’ex Cirio”.

“Ci sono cittadini, brava persone che non possono uscire di casa – dice contrariato il capo della Lega – è assurdo che io non possa venire a Mondragone e parlare a causa dei centro sociali”.

A chi gli chiede della polemica agitata dallo scrittore Roberto Saviano che in un video si è scagliato cotro il capo del Carroccio sottolinea: “È amico dei centri sociali”.

“La prosima volta verrò e avviserò solo le persone perbene – insiste Salvini – la violenza non è giustificata. Se le mmme mi chiamano e mi dicono Matteo aiutaci io sono dalla parte delle persone perbene. Devo chiedere il permesso ai centri sociali per venire a Mondragone? Stiamo scherzando?”.

E una signora: “Sei un grande Matteo, aiutaci, sei il nostro messia”. Ma subito si alzano cori impietosi: “Scemo, scemo, scemo”. E poi “Sciacallo, sciacallo, sciacallo”. E ancora : “Buffone, buffone, buffone”.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

1 1
100 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi