La Corte Costituzionale: “Decreti sicurezza violano articolo della Costituzione”

La pronuncia della Corte costituzionale affossa i decreti sicurezza. Occorre ora ancora di più mettere mano alle due leggi volute e imposte da Matteo Salvini e cancellarle.

Gli ermellini entrano a gamba tesa come del resto segnalò il presidente della Repubblica Sergio Mattarella sulla disposizione che precludeva l’iscrizione all’anagrafe dei migranti richiedenti asilo.

La norma è contenuta nei decreti sicurezza e nella sostanza disconoscono l’articolo 3 della Costituzione, baluardo dell’uguaglianza delle persone nei diritti e nei doveri.

I protagonisti della battaglia sono stati i sindaci e in particolare quello di Palermo Leoluca Orlando e quello di Napoli Luigi de Magistris.

“Ci siamo presi anche delle denunce er tutelare i diritti degli ultimi ma oggi è una bella soddisfazione giuridica, istituzionale e di democrazia nel nostro Paese – riflette de Magistris -.

I due primi cittadini prima di tutti emisero direttive che andavano in senso opposto.

“Noi fummo ubbidienti alla Costituzione – prosegue – mentre il Governo Conte 1 con Salvini in prima linea voleva rendere invisibili e privi di diritti le persone”.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi