A 10 anni dall’uccisione, il ricordo di Teresa Buonocore

Sono trascorsi 10 anni. Era il 20 settembre del 2010. Teresa Buonocore era a bordo della sua auto e transitava in via Ponte dei Francesi, un’arteria stradale che collega la periferia industriale partenopea con la città di Portici.

All’improvviso scattò l’agguato. Un raffica di proiettili. Lei priva di vita in un lago di sangue. Uccisa per aver denunciato. Per aver protetta sua figlia.

Una donna forte, una mamma coraggiosa, crivellata di colpi. Aveva denunciato e fatto condannare con la sua testimonianza Enrico Perillo, rapitore e violentatore della figlia di otto anni.

L’Amministrazione comunale di Napoli ha partecipato oggi a Portici alle iniziative in occasione del decimo anniversario della tragica uccisione di Teresa Buonocore.

A rappresentare il Comune, su delega del sindaco Luigi de Magistris, l’Assessore Alessandra Clemente presente alla deposizione di fiori al Cimitero ed al ricordo pubblico della mamma coraggio presso il bene confiscato alla camorra “Villa Fernandez”.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi