Truffa tamponi, pizzaiolo ‘negativo’ era positivo e lavorava

Credendo di essere “negativo” al Sars-Cov-2 si è recato al lavorare in pizzeria trasformandosi in un possibile veicolo di contagio: è emerso anche questo dall’inchiesta del Nas e della Procura di Napoi sulla truffa dei tamponi naso-faringei illecitamente pubblicizzati sul web e praticati a domicilio, senza alcuna autorizzazione di carattere amministrativo e sanitario, quindi senza offrire la garanzia di un esatto risultato delle analisi.

Secondo gli inquirenti l’esito inesatto degli tamponi avrebbe favorito la diffusione del coronavirus e sebbene per ora venga ipotizzato il reato di associazione a delinquere finalizzata alla truffa non si esclude che presto a questo reato si possa aggiungere anche quello di epidemia dolosa.

Il pizzaiolo per tenersi sotto controllo si era sottoposto al tampone proprio presso l’organizzazione “illecita” individuata dagli investigatori del Nas. L’uomo, che era risultato negativo alle analisi, si è recato regolarmente al lavoro per poi scoprire che invece era stato contagiato dal virus Sars-Cov-2 e ieri il Nas si è recato nella pizzeria per eseguire una serie di controlli.

Intanto oggi è partita l’analisi del materiale sequestrato (documentazione, fascicoli, apparecchiature sanitarie, computer e telefoni cellulari), durante le perquisizioni. Complessivamente ieri i carabinieri del Nas hanno eseguito 17 decreti emessi dal sostituto procuratore Maria Di Mauro, magistrato in forza alla Seconda Sezione (Pubblica Amministrazione) coordinata dal procuratore aggiunto Giuseppe Lucantonio mentre sono al momento 12 le persone fisiche indagate anche se l’inchiesta potrebbe presto coinvolgere piu’ soggetti.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi