Dcpm all’acqua di rose, Conte doveva osare di più

Il premier Giuseppe Conte annuncia il contenuto de nuovo Dcpm vista la drammatica situazione della diffusione del virus.

Una stretta sulla movida, locali e piazze con la possibilità per i sindaci di chiudere i luoghi particolarmente frequentate alle 21. Stop a tutti gli sport da contatto, anche dilettantistici.

A piscine e palestre sono stati concessi sette giorni di tempo per adeguarsi ai protocolli di sicurezza, altrimenti scatta la chiusura. La scuola,invece, deve proseguire con le lezioni in presenza ma per le superiori – sottolinea – verranno favorite modalità flessibili con ingresso degli alunni dalle 9 e, se possibile, turni pomeridiani.

“La strategia non è e non può essere la stessa della primavera- ribadisce il presidente del Consiglio- in questi mesi abbiamo lavorato intensamente. Dobbiamo tutelare sanità ed economia, usando un principio di proporzionalità e adeguatezza”. Molti però speravano e si auguravano norme più restrittive.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi