Whirlpool, sindacati Fim-Fiom-Uilm:”Governo passivo e ingiustificabile”

Prosegue la mobilitazione nel gruppo Whirlpool con la conferma del blocco degli straordinari e la proclamazione di ulteriori 4 ore di sciopero.

“Dopo ormai 18 mesi di confronto sul piano industriale Whirlpool, oggetto di accordo fra ministero e parti sociali, il disimpegno della multinazionale – affermano Fim Fiom e Uilm – prosegue senza alcun intervento autorevole da parte del Governo ed in aperta contraddizione con il mercato che attraversa una fase di crescita. Contemporaneamente Whirlpool ha la pretesa di chiudere stabilimenti e altrove di assumere massicciamente lavoratori interinale e di chiedere straordinario continuo”.

Fim Fiom e Ullm chiedono “il rispetto del piano di sviluppo e degli investimenti in tutti gli stabilimenti , la realizzazione dei progetti di reindustrializzazione su Carinaro, ancora inspiegabilmente disattesi, ed il rafforzamento della missione produttiva di tutti i siti anche a fronte del fatto che ad oggi in pratica uno stabilimento ha già chiuso. Circa 250 impiegati, cioè, fatti uscire con incentivi, indebolendo così pesantemente la ricerca e sviluppo del gruppo, garanzia per il futuro”.

“A fronte dell’ingiustificabile passività di un Governo che ha più volte annunciato che avrebbe fatto rispettare il piano industriale scongiurando la chiusura del sito di Napoli ed il rispetto degli impegni assunti da Whirlpool con l’accordo ministeriale del 2018 – concludono Fim Fiom e Uilm – chiediamo la convocazione del tavolo permanente istituito dallo stesso Ministero dello sviluppo economico”.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi