Cig per i dipendenti della Whirlpool di Napoli a partire da gennaio. Governo: “Il sito deve continuare a produrre”

Con la modalità della videoconferenza ha preso il via l’incontro sulla vertenza Whirlpool convocato dal Mise. A presiedere il tavolo la sottosegretaria Alessandra Todde; partecipano anche rappresentanti dei ministeri del Lavoro e del Sud.

Tra i presenti Luigi La Morgia, amministratore delegato di Whirlpool per l’Italia e rappresentanti di Invitalia, delle Regioni Lombardia, Toscana, Campania, Marche, del Comune di Napoli, nonche’ le delegazioni dei sindacati

“Piena retribuzione e tredicesime fino al 31 dicembre al 100% per i lavoratori senza ricorso agli ammortizzatori, come da accordi con il governo. Dal 1 gennaio richiesta di ammortizzatori fino alle fine di marzo e poi avvio della la procedura di licenziamento collettivo il 1 di aprile”.

Dopo la cassa integrazione per Covid fino a marzo per lo stabilimento di Napoli dal 1 aprile l’azienda intende avviare la procedura per il licenziamento collettivo dei lavoratori partenopei. E’ quando emerge dal vertice in videoconferenza convocato dal Mise sulla vertenza Whirlpool.

A ribadire le scadenze Whirlpool previste per i lavoratori del sito di Napoli è, il vicepresidente Emea della multinazionale, Luigi La Morgia che poi rassicura sugi investimenti della multinazionale in Italia.

“Nel biennio 2019-2020 l’azienda ha investito circa 160 milioni di euro. Si conferma l’impegno negli stabilimenti in Italia e si prevede una crescita nel 2021, in particolare a Siena” – puntualizza La Morgia.

Per quanto riguarda il sito di Napoli la sottosegretaria allo Sviluppo economico, Alessandra Todde chiarisce : “Abbiamo ricevuto in questi mesi moltissime dichiarazioni d’interesse, ma noi vogliamo prima avere chiarezza di ciò che vuole fare l’azienda e poi presenteremo il nostro progetto”.

“Non soffriamo di “annuncite” e un Governo serio, come il nostro, lavora silente e a testa bassa per presentare un progetto concreto con cui rilanciare il sito napoletano”, aggiunge Todde.

“Il Mise – continua la sottosegretaria- lavora da mesi, per presentare un piano che mantenga a Napoli l’attività produttiva e chiaramente il perimetro occupazionale. Questo percorso noi lo porteremo avanti, con o senza Whirlpool”.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi