Il Procuratore Melillo: “Camorra cerca d’infiltrarsi nell’emergenza pandemica”

0 0

“Vi sono ambiti di operatività delle organizzazioni camorristiche che hanno ricevuto una straordinaria spinta dall’emergenza pandemica. La naturale vocazione imprenditoriale ne risulta straordinariamente accentuata”.

La denuncia con parole chiare e nette è di Giovanni Melillo, capo della Procura di Napoli nel corso della videoconferenza sull’arresto del latitante, Antonio Di Martino.

“Ci sono rischi gravi e concreti di accesso di imprese collegate al crimine organizzato ai finanziamenti garantiti dalla mano pubblica per consentire il ristoro e rilancio delle attività economica”.

“E’ del tutto evidente – ha spiegato – che le organizzazioni criminali sono in grado di immettere in questa fase così difficile della vita economica e sociale del paese grandi risorse sia nell’acquisizione di attività economiche in gravi crisi di liquidità sia occupando settori di impresa collegata all’emergenza sanitaria”.

Melillo ha anche sottolineato i “margini di adattamento alle nuove necessità” da parte della criminalità organizzata in virtù anche di “dimensioni imprenditoriali che consentono di operare senza i bisogni di liquidità e di difficoltà economiche”  

“ci sono rischi gravi e concreti di accesso di imprese collegate al crimine organizzato ai finanziamenti garantiti dalla mano pubblica per consentire il ristoro e rilancio delle attività economica”.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi