Mazzetta di 10mila euro per appalto anticovid scuole, preso in flagranza

Mazzetta di 10mila euro per appalto anticovid scuole, preso in flagranza.

È stato colto il flagranza di reato il dirigente dell’Ufficio Tecnico del Comune di Torre Annunziata arrestato ieri dalla Guardia di Finanza, subito dopo avere intascato una tangente da 10mila euro. La somma di denaro è stata trovata dai finanzieri nell’auto del dirigente.

Si tratta, secondo gli investigatori, di soldi versati da un imprenditore edile partenopeo per ottenere l’assegnazione di un appalto di “somma urgenza”, relativo a lavori per l’adeguamento di istituti scolastici alle esigenze Covid-19, in vista della ripresa delle attività didattiche in presenza.

La Procura e la Guardia di Finanza di Torre Annunziata contestano al funzionario, N.A., che ha 63 anni, il reato di “induzione indebita a dare o promettere utilità”.

L’arresto in flagranza di reato si inquadra nell’ambito di un’indagine su reati contro la Pubblica Amministrazione avviata dall’ufficio inquirente coordinato dal procuratore Nunzio Fragliasso nel corso della quale le Fiamme Gialle hanno acquisito rilevanti elementi circa l’esistenza di un meccanismo di dazioni di denaro in favore di N.A. da parte dell’imprenditore per l’assegnazione di lavori pubblici. Poche settimane fa la Guardia di Finanza di Torre Annunziata ha arrestato un altro dipendente “infedele” dell’Ufficio Tecnico di Castellammare di Stabia. 

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi