Whirlpool: continua presidio fabbrica. La multinazionale non si presenta al tavolo del Mise. Da Rosarno giungono 4 tonnellate di arance coltivate nelle terre confiscate

Whirlpool: continua presidio fabbrica. La multinazionale non si presenta al tavolo del Mise. Da Rosarno giungono 4 tonnellate di arance coltivate nelle terre confiscate.

Non si è presentata al tavolo del Mise la Whirlpool. La multinazionale ha comunicato in una lettera al governo di aver effettuato i pagamenti per il mese di dicembre a beneficio dei lavoratori del sito di Napoli ed ha confermato che chiederà l’attivazione della Cassa integrazione per i tre mesi successivi.

Intanto, i lavoratori Whirpool di Napoli continuano il presidio davanti la fabbrica di via Argine.

“Nonostante i 20 mesi di vertenza i lavoratori sono ancora uniti, ancora compatti e ancora carichi. Resisteremo e continueremo fino a quando non verranno riaperti i cancelli del sito”, dice Vincenzo Accurso, della Rsu aziendale.

A loro stamane sono arrivate 4 tonnellate di arance coltivate in terre confiscate, e coltivate da braccianti italiani e africani regolarmente inquadrati da Rosarno.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi