Dinacci (Articolo Uno): “Costruire la svolta nel governo della città metropolitana”

“Il progetto politico tra PD-M5S e sinistra va consolidato a partire dai livelli territoriali. Napoli è una città di primissima importanza e può rappresentare, insieme alle altre città al voto, quel grande luogo dove insediare e lanciare questo laboratorio politico innovativo nella prossima competizione amministrativa”.

Lo afferma Francesco Dinacci, coordinatore metropolitano a Napoli di Articolo Uno.

“Articolo Uno – spiega – partecipa da mesi ai tavoli del centrosinistra e ribadisce l’assoluta necessità di un centrosinistra allargato al M5S, al civismo e all’associazionismo più impegnato, per aprire un nuovo decennio di svolta nel governo della città metropolitana”.

Dinacci fa riferimento, senza nominarlo, alla discesa in campo di Antonio Bassolino, quando dichiara che: “Se in queste ore vi sono proposte già in campo, anche oltre i partiti, che parlano al nostro schieramento, servirà nell’immediato un’iniziativa condivisa del tavolo politico ancora più incisiva e coraggiosa per determinare il massimo grado di coesione del nostro schieramento e verificare se queste disponibilità possano riconnettersi ad un percorso condiviso, con un approccio maturo di ascolto, rispetto e dialogo”.

“Articolo Uno lavora, da sempre, solo per l’unità del campo largo progressista. Sarebbe gravissimo, infatti, assistere ad elementi che possano produrre frammentazione nello schieramento democratico se si ha a cuore il futuro di Napoli – sottolinea -e sarebbe altrettanto insopportabile una fase troppo prolungata di attese, rinvii o comportamenti politicisti”.

“Al Partito Democratico napoletano, che ha la responsabilità di guidare con equilibrio questo difficile percorso politico, ribadiamo la necessità di procedere con chiarezza affinché la coalizione ampia dei progressisti e del M5S possa presto rappresentare in città quella soggettività politica coesa che si candida autorevolmente al governo della città metropolitana di Napoli” – aggiunge -.

“Il tavolo di coalizione deve pertanto proseguire il suo lavoro con un approfondimento serio sul programma dal tema del bilancio, a quello della vivibilità e della qualità della vita ordinaria. Solo così, dentro un perimetro politico ben chiaro, potrà iniziare un confronto serio per ricercare una soluzione pienamente condivisa che individui la guida più autorevole e riconosciuta dello schieramento democratico e progressista per Napoli – spiega – Il centrosinistra ha il dovere di accelerare i tempi, perché la competizione con il centrodestra resta da non sottovalutare” – .

Articolo Uno sottolinea anche che “l’importanza strategica e le vaste dimensioni della nostra area metropolitana – prosegue Dinacci – meritano assoluta centralità e attenzione anche da parte del Presidente della Regione, che abbiamo sostenuto, e da cui ci attendiamo un atteggiamento più positivo e collaborativo a servizio del territorio napoletano”.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi