Arrestato per violenze in famiglia in passato aveva già scontato una pena per lo stesso motivo

È arrivata da Milano la telefonata d’allarme che ieri pomeriggio ha consentito agli agenti del Commissariato Vicaria Mercato di Napoli di mettere fine un episodio di maltrattamenti in famiglia, l’ennesimo è poi emerso, per mano di un pregiudicato che stava scagliando la sua violenza contro la moglie, terrorizzando i figli, uno dei quali,di 12 anni, attanagliato dalla paura, è stato trovato dai poliziotti nel soppalco della sua camera da letto.

L’uomo, che ha 51 anni, quando ha visto la Ps è andato in escandescenze e si è ferito. Gli agenti lo hanno arrestato e adesso è in carcere, a Poggioreale, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Quando la sua ira è scattata, in casa c’erano la figlia maggiorenne e incinta della coppia, con suo figlio di appena due anni, che i poliziotti hanno trovato poi casa dei vicini, e l’altro figlio, il 12enne, il quale, assalito dalla paura si era rifugiato nel soppalco della sua cameretta.

A seguito della denuncia presentata dalla donna – da tempo sottoposta a violenze fisiche, psicologiche e morali – sono stati coinvolti anche i servizi sociali, nell’ambito dei protocolli previsti dal progetto “Scudo” del Ministero dell’Interno.

L’uomo è risultato già arrestato e condannato per maltrattamenti ai danni della moglie. Condanne peraltro anche espiate. Ma ciononostante le violenze erano proseguite, anche in presenza dei figli minorenni.

Anzi, erano proprio loro, a chiedere aiuto al 113, com’è successo anche ieri. A dare l’allarme, infatti, è stato uno dei figli che ora vive a Milano. Dai controlli è infine emerso che l’uomo era stato denunciato dal fratello che lo aveva accusato di aver esploso contro alcuni colpi d’arma da fuoco a scopo intimidatorio. 

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi