Il senatore Cesaro, salvato dalla Giunta immunità : autorizzare solo 6 intercettazioni

La Giunta delle immunità parlamentari del Senato ha autorizzato la magistratura all’uso di 6 intercettazioni telefoniche su 21 riguardanti Luigi Cesaro, senatore eletto con Forza Italia e indagato dal tribunale di Napoli per i reati di concorso in associazioni mafiose anche straniere e concorso in scambio elettorale politico-mafioso (la richiesta al Senato risale al luglio 2020).

La Giunta l’ha deciso mettendo ai voti la proposta avanzata dal relatore del provvedimento, il senatore di Italia viva, Giuseppe Cucca favorevole appunto alla concessione dell’autorizzazione solo per 6 intercettazioni.

“Abbiamo applicato la prassi e la Costituzione visto che è ancora in vigore – ha spiegato Cucca – Ho proposto l’autorizzazione di quelle intercettazioni su cui c’è la presunzione che gli interlocutori in quel momento al telefono con Cesaro non sapessero che era un parlamentare, in linea quindi con la Costituzione e con varie elaborazioni della Consulta”.

“Nel luglio scorso i magistrati hanno inviato al Senato la richiesta di utilizzo di 21 intercettazioni che riguardano Luigi Cesaro, noto come Giggino ‘a purpetta, senatore eletto in Forza Italia nonchè ex-autista di Raffaele Cutolo, boss della Nuova Camorra Organizzata. I parlamentari, infatti, non possono essere né arrestati e né ntercettati senza l’autorizzazione della camera di appartenenza. Cesaro non è stato intercettato direttamente. Semplicemente ha parlato con persone a loro volta intercettate”.

Lo scrive su Facebook l’ex deputato Alessandro di Battista.

“Il ‘blitz’ è riuscito grazie a Giuseppe Cucca, senatore renziano che ha messo gli altri senatori davanti a un bivio: o si autorizzano 6 intercettazioni su 21 o niente – conclude Di Battista -. Per amor di verità il Movimento 5 Stelle ha votato affinchè si evitasse lo squallido aut-aut e ha fatto bene. Ciononostante il Movimento che ricordo io avrebbe occupato la giunta per far emergere pubblicamente lo scandalo e l’ennesimo favore corporativo concesso ad un membro del Parlamento. Ricordo quando pressavamo le istituzioni affinche’ si portassero in aula, celermente, le richieste di arresto di parlamentari (casi Genovese e Galan). Ma ora i tempi sono cambiati. Oggi il movimento e’ ‘diverso’, ‘maturo’, ‘evoluto’, ‘moderato’ e, ahimè, alleato di governo proprio con Forza Italia”.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 1
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi