Lady camorra redarguisce un commerciante che aveva trovato una raccomandazione da una congiunta del boss in gonnella di Secondigliano: “La malavita la faccio io, mia nipote fa il ragù”

“La malavita la faccio io.. mia nipote fà il ragù”. È il diktat di Maria Licciardi a un negoziante che nonostante il divieto continuava a vendere l’acqua. Accade a Piscinola, quartiere dell’area a nord di Napoli confinante con Scampia, era Maria Licciardi a decidere se un negozio poteva o meno vendere l’acqua.

La circostanza emerge da alcune intercettazioni inserite nell’ordinanza con la quale, il 9 agosto scorso, il gip di Roma Valerio Savio ha convalidato il fermo nei confronti di “lady camorra” e disposto per lei la custodia cautelare in carcere.

Il negozio in questione si trova accanto a un altro esercizio commerciale maggiormente gradito al clan e il fatto che vendesse l’acqua, peraltro a prezzi più bassi, proprio non andava giù a Maria Licciardi che, in questa vicenda, secondo il giudice, dimostra di avere un controllo pressoché totale del territorio.

Lady camorra incarica uno dei suoi uomini di riferire al commerciante il suo diktat. Il luogotenente di Maria Licciardi esegue l’ordine ma ciononostante il negozio continua a vendere l’acqua fino a quando, innervosita per la reticenza dimostrata, è proprio lei, in prima persona entrare in azione, recandosi di persona sul posto.

Il commerciante si difende dicendole di avere avuto rassicurazioni da una sua nipote, Rosaria, circa la possibilità di continuare a vendere l’acqua. Ma la risposta di lady camorra è perentoria e, secondo il giudice e la Procura di Napoli, anche dirimente circa la rilevanza del suo ruolo nel clan: “…la malavita la faccio io…Rosaria (sua nipote, ndr) fà il ragù”.

Maria Licciardi è stata capace “di riprendere in poco tempo le redini di una associazione di stampo mafioso dopo una detenzione di ben otto anni”.

Elementi che mostrano “la personalità delinquenziale e la attuale pericolosità sociale di Maria Licciardi e che integra si può dire in modo paradigmatico la sussistenza nei suoi confronti di quelle ‘esigenze cautelari di eccezionale rilevanza’…”.

Così il gip di Roma Valerio Savio ha motivato l’ordinanza di convalida del fermo e di applicazione della custodia cautelare in carcere emessa lo scorso 9 agosto nei confronti di Maria Licciardi, 70 anni, soprannominata “lady camorra”, fermata dai carabinieri del Ros lo scorso 7 agosto, nell’aeroporto romano di Ciampino, mentre di accingeva a partire per Malaga.

La decisione del gip capitolino è stata poi confermata anche dal gip partenopeo, qualche settimana dopo. Il giudice ritenne sussistenti, tra l’altro, il pericolo di fuga e la reiterazione reati.

Maria Licciardi, inoltre, per il gip, ha gestito “con preoccupante prepotenza” le vicende criminali inerenti il clan “nonostante la consapevolezza di una attività investigativa a suo carico, circostanza questa che non frenava il suo agire illecito e anche violento… a dimostrazione di una scelta di vita criminale, anche in età avanzata, certamente definibile ormai come immutabile e definitiva”. 

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi