L’ex sindaco de Magistris: “Manfredi non doveva arruolare Lanzotti, fatti davvero inquietanti e gravi sui rapporti tra camorra e politica”

L’ex sindaco de Magistris: “Manfredi non doveva arruolare Lanzotti, fatti davvero inquietanti e gravi sui rapporti tra camorra e politica”.

“Rammarica che il sindaco Manfredi non abbia esitato ad avere nella sua maggioranza una lista, anche forte e rilevante per la sua vittoria, “Azzurri”, ideata e promossa da Stanislao Lanzotti. L’indagine e i fatti erano ben noti, non poteva non sapere. Ha scelto. Il garantismo rimane, l’inopportunità anche”.

Lo sottolinea in una nota l’ex sindaco di Napoli Luigi de Magistris all’indomani degli sviluppi giudiziari dell’inchiesta che riguarda l’ex consigliere comunale di Forza Italia.

“La questione morale – ricorda de Magistris – si pratica, non si predica. Sono sempre stato garantista. La presunzione di innocenza fino a sentenza definitiva vale per tutti. Anche per Stanislao Lanzotti, consigliere comunale per Forza Italia nella precedente consiliatura, rinviato a giudizio per voto di scambio aggravato dal metodo mafioso, per fatti che sarebbero accaduti durante le elezioni del 2016, quando divenni sindaco con una coalizione alternativa, ovviamente, a quella di Lanzotti”.

“Le carte delle indagini – conclude de Magistris – rivelano fatti davvero inquietanti e gravi sui rapporti tra camorra e politica, il tutto per cercare di ostacolare con questi metodi la nostra vittoria”.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi