Minacce a Chiariello, ‘scorta civica’ al comando di polizia di Arzano. Senatore Ruotolo: “I mandanti sono quelli della 167”

0 0
Reading Time: 2 minutes

Alla minaccia a Biagio Chiariello, comandante della polizia municipale di Arzano ha risposto il Comitato di liberazione dalla camorra Area Nord di Napoli autoconvocandosi presso la sede del corpo della polizia locale. Un segnale forte di vicinanza e solidarietà ma soprattutto una risposta ‘adeguata’ alla prepotenza dei clan. Diversi cittadini, addirittura, si sono offerti per scortare il comandante della polizia municipale Biagio Chiariello quando fa ritorno a casa.

“È un gesto importante – spiega Chiariello – che la lotta all’illegalità sia sentita anche da queste parti. A chi mi ha offerto il suo appoggio – aggiunge – ho presentato i miei ringraziamenti e risposto che, però, sono io quello deputato a difende i cittadini e non viceversa”.

“Noi sappiamo chi è il mandante delle minacce di morte al Comandante della polizia municipale di Arzano: è il clan della camorra della 167 di Arzano. Sono i Monfregolo che occupano abusivamente gli alloggi popolari” – spiega il senatore Sandro Ruotolo, ribadendo, a nome del Comitato per la liberazione della camorra dell’area a nord di Napoli, la solidarietà al Comandante Biagio Chiariello nel corso del sit in promosso nel Comando della polizia municipale di Arzano.

“È una minaccia seria quella che ha ricevuto Chiariello. La camorra ha bisogno di intimidire, di silenziare, ha bisogno del buio. Non vuole che lo Stato interferisca con i suoi affari, con il ‘suo’ controllo del territorio. La nostra risposta è stata quella di accendere i riflettori e di far sentire la nostra voce. Ma questa mattina, nella manifestazione promossa dal Comitato di liberazione dalla camorra dell’area Nord di Napoli, avevamo bisogno anche di sentire un segnale forte da parte delle Istituzioni. È il segnale c’è stato e ci sarà” aggiunge Ruotolo.

“Stamattina c’erano i rappresentanti delle forze politiche, i sindacati, i Comandanti delle Polizie municipali dei Comuni del circondario, i Sindaci di alcuni di questi Comuni insieme alla prima cittadina di Arzano, Cinzia Aruta. E c’era l’assessore regionale alla legalità, Mario Morcone, che ha assicurato l’impegno per l’installazione di tante telecamere per la sorveglianza che è uno dei nostri obiettivi” – spiega il senatore – .

“C’è bisogno di fare rete, di fare squadra, perché il rischio in questi territori è la sovraesposizione. E’ un rischio vero, concreto, che mette a rischio le vite delle persone. In questo momento dobbiamo garantire protezione al comandante Chiariello e, al tempo stesso, avere una squadra nella società civile, ma anche nelle Istituzioni. La camorra conta sulla paura della gente, sull’indifferenza. Noi siamo tanti e siamo di più. Insieme batteremo camorra e indifferenza perché ‘O si è contro la camorra o si è complici della camorra”

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi