Nuovo macigno giudiziario sull’ex sindaco Figliolia: Sesso in cambio di buoni spesa Covid. Lui si difende: “Sono estraneo ai fatti”

Crolla un nuovo macigno sull’ex sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia (Pd), domenica scorsa risultato il consigliere più votato in Consiglio Comunale. La Procura di Napoli gli contesta nuove accuse iscrivendolo nel registro degli indagati nell’ambito di un’inchiesta sulla legittimità degli appalti del Rione Terra.

L’ex sindaco secondo i magistrati avrebbe consegnato buoni spesa Covid a una donna in stato di indigenza in cambio di prestazioni sessuali. Tutto si sarebbe stato consumato nel suo ufficio, al Comune. Ci sarebbero riscontri forniti anche da microspie adoperate per l’inchiesta del Rione Terra dove accusato di concussione e peculato. Non solo.

Sempre in cambio di sesso avrebbe anche cercato di agevolare la donna nel disbrigo di pratiche amministrative inerenti delle cure mediche.

“Non posso che esprimere il mio profondo rammarico per la pubblicazione sui principali quotidiani di una vicenda strettamente personale che, evidentemente, avrebbe dovuto rimanere riservata in ambito processuale, le cui connotazioni di illeceità non riesco davvero a comprendere” – sottolinea Figliolia -.

“Il mio rammarico è poca cosa rispetto alla sofferenza che provo perché consapevole che quanto accaduto ha profondamente ed ingiustamente ferito la dignità dei miei figli, di mia moglie e della mia anziana madre che da sempre sono stati costretti condividere e, spesso a subire, il mio sconfinato amore per la città dove sono nato. Amore che, purtroppo, non mi ha consentito di essere un padre presente ed un marito premuroso” – aggiunge -.

“Spero solo che non debba aspettare oltre dieci anni per provare la mia innocenza – conclude l’ex sindaco – come è già avvenuto in relazione alla vicenda relativa al mercato ittico. Procedimento all’esito del quale, come è noto, la Corte d’Appello di Napoli non solo riconobbe la mia estraneità, ma sottolineò l’utilità della mia iniziativa amministrativa diretta a risolvere le problematiche per le quali ero stato imputato”.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi