Aggredito calciatore e allenatore durante la gara di calcio a 5 under 19 tra il Casavatore e il Quarto

Una brutta storia. Accade in un campo di calcio. Ed è l’ennesimo caso di violenza. Un giocatore con le stampelle a causa di una frattura rimediata in un incontro di calcio segue la sua squadra a bordo campo. Quando a fine match viene aggredito, malmenato con la sua stessa stampella sull’arto infortunato.

È il suo allenatore a soccorrerlo e difenderlo. Ma per lui scatta un’azione punitiva con tanto di pistola impugnata per minacciarlo e poi per colpirlo con il calcio alla testa. Poteva finire in tragedia la gara di futsal (calcio a 5) under 19 tra il Casavatore e il Quarto, disputata domenica scorsa nel palazzetto di Casavatore, in provincia di Napoli.

Gli aggressiori, in tutto cinque persone, sono poi scappate lasciato nel panico l’intero palazzetto di Casavatore, calcettisti e tesserati della Trilem Casavatore inclusi, nonché genitori e persone vicine a entrambe le società.

La tessa società ASD Futsal Quarto con un post su Facebook tra l’altro scrive: “Auspichiamo che la responsabilità di quanto avvenuto venga accertata quanto prima dalle forze dell’ordine, al fine di identificare gli aggressori e prendere i giusti provvedimenti. Ringraziamo per la solidarietà la società Trilem Casavatore. I carabinieri sono intervenuti in campo e i nostri calcettisti sono stati condotti in caserma, dove hanno riferito alle forze dell’ordine su quanto accaduto. Successivamente, i vigili ci hanno scortati fino alla tangenziale per guadagnare in sicurezza l’uscita dal comune di Casavatore”.

“Condanniamo fermamente quanto accaduto, che nulla ha a che vedere col risultato della gara, né tanto meno può accadere in un torneo sportivo, specialmente un campionato Regionale Under 19, dove si esibiscono dei giovani ragazzi, spesso minorenni”.

“Come società ci impegneremo al massimo nella collaborazione con le forze dell’ordine affinché chi ha perpetrato violenza oggi, in un luogo di sport, venga riconosciuto e sottoposto alla resa delle proprie azioni dinanzi alla Legge. Al di là della sconfitta che è maturata sul campo, in quanto ASD Futsal Quarto, noi ci sentiamo responsabili dell’incolumità dei nostri tesserati e valuteremo il da farsi per il prosieguo della nostra attività a livello giovanile, poiché il nostro interesse primario è garantire ai ragazzi di andarsi a divertire sui campi in massima sicurezza, al di là di ogni risultato sportivo”.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi