Al Palazzo Reale di Napoli apre l’Androne delle Carrozze con la mostra documentaria su danni di guerra e restauri

Con la mostra documentaria “Palazzo Reale: danni di guerra e restauri. Una storia per immagini dal 1943 agli anni Cinquanta”, curata da Stefano Gei e Antonella Delli Paoli, si è inaugurato a Napoli un nuovo spazio espositivo ricavato dall’apertura del collegamento tra il Cortile d’Onore e il Cortile delle Carrozze, finora utilizzato per funzioni tecniche e come deposito, riqualificato e ribattezzato ‘Androne delle Carrozze’.

Oltre cento le riproduzioni provenienti da alcuni dei più importanti archivi fotografici napoletani (Soprintendenza, Vigili del Fuoco e Archivio Parisio); i lavori sono documentati da una selezione di riproduzioni dei disegni dell’archivio della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Napoli .

In mostra anche riproduzioni di foto e documenti dalla US National Archives and Records Administration e dalla Allied Control Commission di Washington.

“Con questa apertura viene offerto alla pubblica fruizione un ulteriore spazio storico del Palazzo dopo quello della Galleria del Genovese – ricorda il direttore Mario Epifani -. Anche l’Androne sarà destinato all’allestimento di piccole mostre, di inconvenienti fotografiche, con accesso gratuito tutti i giorni della settimana. È un’anticipazione del ‘Museo della Fabbrica’, spazio introduttivo alla visita dell’Appartamento Storico, con modellini, dipinti, foto storiche e documenti”.

Per il soprintendente Salvatore Buonomo “il periodo della ricostruzione post-bellica offre, nel campo della conservazione, molti spunti di riflessione sulle metodologie incontrate e su quanto le teorie del restauro ponevano a servizio degli operatori”.

Almerinda Padricelli, architetta responsabile lavori e lavori di Palazzo Reale, sottolinea che “il recupero dell’Androne delle Carrozze ha consentito il ripristino del collegamento tra i due cortili del Palazzo, attraverso un passaggio di circa 200 mq coperti. I lavori di restauro sono stati effettuati in soli 2 mesi con un impegno economico di 130 mila euro”.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi