All’Università Orientale, il ricordo di Mario Paciolla : “Studente, giornalista, attivista, poeta ribelle, anima meravigliosa”

0 0
Reading Time: 3 minutes

Stamane è stata intitolata un’aula a Mario Paciolla nella sua Università dell’Orientale affinché la sua storia non sia dimenticata, affinché si faccia giustizia: queste le ragioni che hanno spinto i Rappresentanti degli Studenti dellUniversità LOrientale di Napoli, afferenti a Link Orientale, ad avviare un percorso di concerto con la famiglia di Mario, la dirigenza di Ateneo e il collettivo ‘Giustizia per Mario Paciolla’ che ha portato all’affissione della targa dedicata a Mario, a Palazzo Giusso, storica sede dellAteneo napoletano.

“È importante mantenere vivo il ricordo di Mario che, per curriculum e storia personale, rappresenta una parte importante dei giovani che noi formiamo”.

Così il rettore dell’Orientale Roberto Tottoli ha commentato la collocazione della targa in memoria di Mario Paciolla davanti all’aula studio dell’edificio principale dell’ateneo in cui il cooperatore Onu napoletano, poi trovato morto in Colombia, si è laureato.

Sull’archiviazione del caso da parte della Procura, il Rettore sottolinea: “Mi rendo conto che a livello internazionale è molto difficile il lavoro, bisogna tenere alta la guardia. I fatti contemporanei tendono a nascondere questo come altri casi terribili, teniamo le luci accese su questo e anche la memoria viva”.

Alla scopertura della targa anche Yle D’Angelo, presidente del Consiglio studenti dell’Orientale: “Oggi – commenta – arriva un segnale forte dall’Orientale. La targa serve per il ricordo, e perché chi non lo conosce possa sapere e ragionare su quanto accaduto”.

“Ci sentiamo sostenuti da molti giovani e da tante persone che stanno condividendo con noi questo percorso. Noi vogliamo che le persone capiscano chi era Mario, il perchè della sua vita ed anche della sua morte”. Così Anna Motta, madre di Mario Paciolla, ha commentato la decisione dell’Università Orientale di intitolare l’aula studio al giovane morto in Colombia nel 2020. Paciolla, cooperante dell’Onu deceduto nella sua casa in Colombia a 33 anni, era stato uno studente e laureato all’Orientale, ateneo che oggi ha deciso di proseguire a coltivarne il ricordo e la lotta per conoscere la verità sulla sua morte. “Per mantenere accesi i riflettori e proseguire nel percorso di richiesta di verità e giustizia”, ha commentato la madre del ragazzo che era alla cerimonia oggi insieme a suo marito.

Oggi all’Orientale ci sono stati la musica di Valerio Bruné, amico di Mario, e poi la proiezione del documentario di Salvatore De Chiara ‘Come fuoco’ “a cui abbiamo partecipato noi studenti e l’Orientale – ricorda Yle – per dare voce alla vicenda di Mario. Sulla sua morte tra noi studenti è difficile darci una spiegazione, capire la verità. Certo la decisione della Procura di Roma di archiviare il caso è un grave danno; questa storia che deve essere trattata quotidianamente nell’università e in città perché il caso non venga sepolto”.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi