Voto sulla piattaforma Rousseau, gli attivisti di Sala Consilina non votano per protesta: “Cancellati i nostri candidati”

Polemiche, gioco sporco, tatticismi e furbate. Accade nel giorno in cui si vota sulla piattaforma dell’Associazione Rousseau il candidato che correrà nella sfida elettorale per le elezioni di presidente della Regione Campania.

Una fiction perchè il nome che verrà fuori è quello di Valeria Ciarambino, dominus in Campania della corrente di Luigi Di Maio. C’è però chi dice no. Sono gli attivisti del meetup ABG Attivisti Sala Consilinache denunciano ombre sul voto.

“Il 20 febbraio 2020 sono stati scelti sulla piattaforma Associazione Rousseau i cinquanta candidati al consiglio regionale della Campania, undici dei quali diedero anche la disponibilità ad assumere anche la carica di presidente – spiegano – oggi 10 giugno, in occasione della votazione del candidato presidente apprendiamo, con stupore, che otto degli undici aspiranti governatori si sono ritirati”.

“La ragione sarebbe che non sono stati resi noti dal capo politico Vito Crimi una scelta che ha visto il 73% degli aspiranti ritirare la propria candidatura – proseguono – ed avendo appreso la notizia solamente a due ore dalla votazione direttamente dalla piattaforma, gli iscritti al meetup attivisti Amici di Beppe Grillo Attivisti Sala Consilina si astengono dalla votazione per il candidato presidente del Movimento 5 Stelle”.

Una dura presa di posizione, una critica forte al ‘sistema Ciarambino’, ai sotterfugi che somigliano molto a quelli della Prima Repubblica

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

2 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi