Il triste commiato del sindaco de Magistris: “Adesso è il momento di riflettere per come continuare a spendere la vita per il bene comune”

Affida il suo addio alla poltrona di sindaco dopo due mandati a un video, tornando per breve tempo dietro la scrivania ormai sgombra di orpelli nello studio di Palazzo San Giacomo che ha occupato per 10 anni. Luigi de Magistris, però, dedica anche una lunga parte del suo sfogo alla Calabria.

“Sono il sindaco di Napoli più longevo dal 1806 – rimarca – e non dimentichero’ mai gli sguardi, le sofferenze, le lacrime, i sorrisi di gioia, gli abbracci, le critiche, i bambini, gli eventi internazionali, i concerti, i funerali, i matrimoni, i vicoli, le strade, le piazze, le autorità internazionali ma soprattutto la gente”.

Poi un lungo elenco di ringraziamenti a staff, personale, dipendenti del Comune, della Citta’ metropolitana, di tutte le aziende in house ai due enti. “Non ho nessun pensiero per chi si è comportato male ma solo bei pensieri, bei ricordi e quell’emozione necessaria”, aggiunge.

“Adesso è il momento di riflettere per come continuare a spendere la vita per il bene comune, per il paese ma soprattutto per il Mezzogiorno che ha bisogno di persone che fanno politica non per interesse personale e familiare ma esclusivamente per come la Costituzione insegna, per il bene della Repubblica”, sottolinea.

“A chi pensa che la politica sia qualcosa che ti porta qualcosa d’altro voglio ricordare che non mi sono candidato come consigliere e quindi senza paracadute politico – rimarca – non abbiamo raccolto come auspicavo. La calabria evidentemente non e’ ancora pronta per passare dal ricatto al riscatto. Ma comunque una luce l’abbiamo accesa e non ci fermeremo mai”

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi