Ue, per ora nessuna infrazione contro l’Italia

Niente procedura nei confronti dell’Italia. È questa la decisione del collegio dei commissari europei, che ha quindi scelto di non raccomandare all’Ecofin l’avvio della procedura

È bastato un decreto correttivo economico-finanziario e portare in dote circa 8 miliardi per dare un segnale alla commissione Ue e ai mercati finanziari. Il risultato è che per ora non sarà aperta alcuna procedura d’infrazione contro l’Italia e lo spread è sceso a quota 200.

Questa vicenda significa che se la politica cominciasse ad usare il buonsenso senza sparate e prove muscolari le cose andrebbero meglio.

Niente procedura nei confronti dell’Italia. È questa la decisione del collegio dei commissari europei, che ha quindi scelto di non raccomandare all’Ecofin l’avvio della procedura per deficit eccessivo contro il nostro Paese, alla luce delle rassicurazioni sui conti fornite lunedì con l’assestamento di bilancio e il decreto che ‘congela’ le minori spese da reddito di cittadinanza e quota 100.

“Volevo fare le mie congratulazioni al presidente del Consiglio Giuseppe Conte per il lavoro svolto ai tavoli europei. È stata evitata una procedura di infrazione che sarebbe potuta ricadere sul Paese, per colpa del Pd. L’Italia non la meritava e l’annuncio di oggi rende giustizia all’Italia e a questo governo”, ha commentato il vice premier Luigi Di Maio

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi