Elezioni Campania 2020. I leader del centro-destra su Caldoro candidato tirano il freno a mano

“Non ho chiesto candidature né di essere candidato. Ho interesse, quello sì, ho un interesse che difendo e ho presunzione di dire che ho governato 5 anni e penso di sapere alcune cose meglio di altri”.

Lo ha detto Stefano Caldoro, sulla sua possibile candidatura a governatore per la coalizione di centrodestra alle elezioni regionali del 2020.

Il capo dell’opposizione in Consiglio regionale della Campania è intervenuto al Museo della Pace di Napoli nel corso di un confronto tra rappresentanti di associazioni di centrodestra.

Sembrava che il nome dell’ex governatore mettesse d’accordo tutti ma la freddezza di Matteo Salvini e di Giorgia Meloni hanno spinto anche a Silvio Berlusconi a tirare il freno a mano.

Stefano Caldoro a seguito di una indagine che lo vede coinvolto insieme all’imprenditore ed editore Alfredo Romeo e l’ex deputato Italo Bocchino aveva dichiarato che usciva dalla politica attiva per dedicarsi alla formazione di una nuova classe dirigente.

Proponimento che legittimanente è stato archiviato con Caldoro pronto a scendere in campo se incasserà l’ok.

“Saranno Berlusconi, Salvini e Meloni a prendere una decisione che noi rispettiamo ma c’è una discussione locale – sottolinea – È una decisione che deve prendere il quadro nazionale sentendo le esigenze di chi lavora sulle realtà locali ma in un equilibrio nazionale – prosegue Caldoro – l’importante è costruire una squadra vincente”.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

2 0
100 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi