Al Museo e Real Bosco di Capodimonte presentazione del catalogo della mostra Andrea Bolognino. Cecità, accecamento, oltraggio

Domani giovedì 7 aprile alle 12 nella sala Burri, al secondo piano del Museo e Real Bosco di Capodimonte, sarà presentato il catalogo della mostra ‘Andrea Bolognino. Cecità, accecamento, oltraggio’ (edito da Artem).

Saranno presenti l’artista, Sylvain Bellenger direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte e Angela Tecce presidente della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee-Museo Madre.

La mostra Cecità, accecamento, oltraggio (fino al 18 aprile 2022), a cura di Sylvain Bellenger, con l’assistenza di Luciana Berti e l’assistenza tecnica di Francesca Dal Lago, è il settimo appuntamento del ciclo di mostre-focus Incontri Sensibili , con cui il museo fa dialogare artisti contemporanei con opere della collezione storica: in questo caso i disegni di Andrea Bolognino sono posti in dialogo con uno dei capolavori più noti della collezione, la Parabola dei ciechi (1568) di Pieter Brueghel il Vecchio.

La mostra Cecità, accecamento, oltraggio propone fin dal titolo una stretta relazione con l’enigmatico dipinto del maestro fiammingo. Ne derivano tre temi che Bolognino ha riunito sotto una più ampia riflessione sul rapporto tra arte e scienza: la simulazione della rappresentazione scientifica, con l’inserimento di schemi e grafici, la simulazione del disturbo della visione, attraverso un disegno abbreviato e oscuro, l ‘ipervisione, effetto degli sviluppi tecnologici contemporanei.

In mostra sono esposti 24 disegni (tra cui un trittico composto da tre fogli) in cui l’artista concilia disegno oggettivo e soggettivo per evidenziare la relazione tra rappresentazione artistica e conoscenze scientifiche.

Alcune delle opere, realizzate su carta a matita, carboncino, pastello, acquerello e acrilico diluito, sono disposte su basi inclinate, in continuità con la logica espositiva del Gabinetto dei disegni, quale del è presente a Capodimonte un esempio tra i più ricchi e prestigiosi in Italia.

Infine, il grande trittico che completa l’allestimento è dedicato all’accecamento inteso come caduta fisica e simbolica, del quale l’artista coglie le diverse fasi: abbandono, percezione della caduta, tentativo rialzarsi dirsi.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi