La strada è chiusa, paziente muore per ambulanza in ritardo

È polemica a Napoli dopo la denuncia della morte di un 67enne che avrebbe dovuto essere soccorso da un’ambulanza il cui arrivo è stato ritardato dalla chiusura della strada via Ottavio Morisani nella zona dello Scudillo all’ombra della collina di Capodimonte.

Il presidente della III° Muncipalità Stella San Carlo Arena, Fabio Greco, annuncia “la nostra volontà di trovare tutte le soluzioni opportune affinchè la strada venga messa in sicurezza ed aperta al più presto per pedoni ed automobilisti”.

Da tempo i comitati civici e le associazioni sono sul piede di guerra. Denunciano un abbandono della zona e la presenza di ostacoli lungo le strade. Poi c’è il problema che manca la totale presenza della polizia municipale.

La notte del 10 gennaio, riferisce Greco, l’ambulanza fu chiamata dai familiari del cittadino scomparso residente nella parte alta di via Ottavio Morisani.

“L’autoambulanza – spiega – invece di raggiungere la residenza dalla parte alta di Capodimonte venne indirizzata a raggiungere il sito dalla parte bassa, quella chiusa dal cantiere”.

“Non sappiamo se questo ritardo abbia compromesso la possiiblità di salvare il nostro concittadino, ma è chiaro ed evidente che tale strada era chiusa al passaggio oramai da due anni per lavori molto consistenti e di realizzazione complicata” – conclude -.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi