Madre e figlio custodivano documenti contraffatti, fuochi pirotecnici e armi: arrestati

Madre e figlio custodivano documenti contraffatti, fuochi pirotecnici e armi: arrestati.

Madre e figlio, entrambi incensurati, custodivano nelle loro abitazioni a Sant’ Antimo documenti contraffatti, processori centrali per computer, fuochi pirotecnici proibiti, ed un pistola 7,65 rubata.

I Carabinieri hanno arrestato entrambi, una donna di 45 anni, ed il figlio, di 27 , dopo essere intervenuti nell’ abitazione del giovane per la segnalazione di schiamazzi.

Insospettiti dal comportamento del 27 enne, i militari hanno perquisito l’ abitazione, trovando una pistola Beretta 7,65, con otto proiettili, che è risultata rubata nel 2016 in provincia di Caserta, 11 cartucce, 14 documenti di identità probabilmente falsi, e 63 carte di credito intestate a varie persone. Uno dei documenti sequestrati recava la foto della madre del giovane, per cui i carabinieri hanno perquisito anche l’ abitazione della donna.

Nell’ apprtamento sono state trovate due “cipolle” (fuochi pirotecnici di tipo proibito,) processori centrali di computer e telefoni cellulari. I due sono stati trasferiti in carcere, mentre i militari della Tenenza di Sant’ Antimo stanno approfondendo il loro ruolo e la natura del materiale sequestrato 

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi