Monta la rabbia tra i navigator della Campania

Domani saranno operativi i navigator tranne quelli della Campania. Il presidente della Regione Vincenzo De Luca non ha firmato la convenzione e quindi i 471 idonei non potranno essere assunti, né formati e neppure distribuiti agli uffici per l’impiego.

Il governatore è stato chiaro e coinciso : “Non voglio che si creino sacche di precari, se vogliono c’è il bando della Regione per il concorso pubblico”.

Gli idonei sono tornati davanti palazzo Santa Lucia e trattano su due piani: convincere De Luca e sollecitare i 5 Stelle affinché l’Anpal li assuma non discriminandoli rispetto agli altri idonei d’Italia.

È una partita a ping pong. Loro, gli idonei chiedono risposte. Senza la firma per la stipula della convenzione con l’Anpal, Agenzia nazionale per il lavoro, da parte di De Luca non potranno iniziare il loro lavoro.

In tutto, in Campania, sono 471 le persone dichiarate idonee come navigator, con il compito di guidare chi percepisce il reddito di cittadinanza nella ricerca di un lavoro. Ma senza l’accordo, non potranno cominciare alcun percorso.

I manifestanti hanno srotolato uno striscione con la scritta: “Con la scusa del precariato sono un navigator disoccupato”.

Perché De Luca ha più volte ribadito la sua contrarietà alla forma contrattuale prevista per queste figure: un contratto della durata di 20 mesi.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi