Acciuffati i pistoleri dell’ospedale Vecchio Pellegrini

0 0

Hanno un nome e un cognome i tre giovani che lo scorso maggio con un raid misero a ferro e fuoco l’ingresso del Pronto soccorso dell’ospedale Vecchio Pellegrini alla Pignasecca a Napoli.

In particolare uno di loro con pistola in pugno cominciò a sparare all’impazzata. I proiettili si conficcarono nei muri e solo per un caso non provocarono delle vittime tra personale ospedaliero, parenti di ammalati e ricoverati.

Le forze dell’ordine hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Napoli nei confronti di tre persone ritenute responsabili di tentato omicidio.

I tre, a vario titolo, sono ritenuti responsabili della gambizzazione di un giovane in piazza Serao e della successiva sparatoria all’interno dell’ospedale dei Pellegrini avvenute lo scorso 17 maggio.

Dopo il ricovero del giovane, un uomo armato – con due complici – si portò all’interno del nosocomio ed esplose i colpi di pistola, probabilmente a scopo intimidatorio, per poi far perdere le proprie tracce, tra i vicoli della Pignasecca.

Una guardia giurata dell’ospedale fu sfiorata dai proiettili.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi