È strage in fondo al mare: i corpi di un neonato abbracciato a sua madre

2 0

C’è un neonato, in fondo al mare, abbracciato alla sua giovanissima mamma. Sono sepolti a 60 metri lungo la costiera di Lampedusa.

Il barchino è affondato lunedì scorso a sei miglia dall’isola siciliana e attorno c’erano 12 dei 17 corpi ancora dispersi.

Il relitto si trova in profondità e dopo giorni di lavoro incessante, i corpi sono stati ripresi dal robot sottomarino a comando remoto della Guardia costiera. Per il recupero di tutti i corpi, occorreranno diversi giorni.

Sono 13 le salme recuperate, tutte di giovani donne di origine ivoriana, c’è anche una bambina di dodici anni, ventidue i superstiti. Diciassette i superstiti.

La guardia costiera non ha mai rinunciato alla ricerca dei corpi nonostante i primissimi giorni dopo il naufragio le condizioni meteo fossero proibitive.

Appena il mare lo ha consentito i sommozzatori sono tornati in acqua e stamattina sono riusciti ad individuare il relitto.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi