Sciopero nazionale dei braccianti per i diritti di tutti

Sciopero nazionale dei braccianti per i diritti di tutti.

Hanno incrociato le braccia i braccianti della terra. Uno sciopero clamoroso forse il primo della storia.

I braccianti si sono dati appuntamento A Borgo Mezzanone, di Torretta Antonacci e del resto dell’Italia, un fiume di esseri umani, uniti nella marcia della dignità.

La natura geme, i campi sono vuoti, i carrelli sono fermi, i trattori sono spenti per dire all’unisono che dare Diritti non toglie Diritti. #nonsonoinvisibile #fermiamoicarrelli

Pubblicato da Aboubakar Soumahoro su Giovedì 21 maggio 2020

“Volevano braccia e sono arrivati uomini – spiega Aboubakar Soumahoro, attivista e sindacalista dei lavoratori agricoli dell’Usb – se i diritti sono per pochi diventano privilegi”.

“Noi braccianti, delusi dalle misure del decreto – sottolinea – oggi non raccoglieremo la frutta e la verdura. È lo sciopero degli invisibili. Non vanno regolarizzate le braccia, ma gli esseri umani”.

Lo sciopero è stato totale, campi vuoti e nessun bracciante a lavoro. Un segnale forte, importante, poderoso, per aprire un negoziato, una trattiva con chi detiene la proprietà delle terre e la filiera agroalimentare. Occorre restituire dignità a chi lavora ogni giorno e garantire i diritti.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi