Quelle porte girevoli nei comuni per le speculazioni edilizie e il riciclaggio del denaro sporco di camorra

0 0
Reading Time: 3 minutes

Perchè la maggior parte dei comuni della provincia di Napoli non hanno approvato e adottato i Puc?

È un buco nero. Una voragine. Un pozzo senza fondo non casuale. Non avere regole chiare, norme efficaci, certezze urbanistiche fa avere i cordoni larghi dove nelle pieghe s’inseriscono comitati d’affare, lobby malavitose e interessi robusti di prenditori e costruttori dalle dubbie origini.

Un sistema di potere per il potere connesso con la politica, il mondo delle professioni e settori della pubblica amministrazione.

C’è anche chi dice no e resiste. Ma ben presto verrà neutralizzato con un trasferimento, indotto a cambiare settore e ruolo oppure commissariato. È la solita triste storia che emerge dalle tante inchieste giudiziarie, uno spaccato da brivido che accomuna quasi tutte le pubbliche amministrazioni dell’hinterland partenopeo.

In Campania la situazione è drammatica. I piani regolatori generali sono vecchi e obsoleti. Non fotografano le esigenze e i cambiamenti degli agglomerati urbani.

Non si fa nulla per mettere in sicurezza i territori e fronteggiare il consumo incontrollato del suolo.

Da anni non si è messo mano ai Puc, i piani urbanistici comunali, è il segreto di pulcinella.

Se solo si fossero approvati i piani preliminari scattava il “periodo di salvaguardia” ossia quel lasso di tempo in cui il PUC viene rivisto, modificato e approvato dall’Ente locale (dopo parere della Regione, tale parere è vincolante) ed entro il quale il comune ed il settore tecnico devono applicare la normativa più restrittiva in termini di autorizzazioni edilizie da qui il termine “salvaguardia”.

Così non è stato, le betoniere devono funzionare h24 e vomitare calcestruzzo, gli affari sono affari e se si fermano potrebbero accadere cose spiacevoli.

Addio, insomma, a concessioni edilizie a go go, autorizzazioni in deroga agli strumenti urbanistici, scia, cambi di destinazione d’uso e tutte quelle diavolerie burocratiche inventate sartorialmente per realizzare colate di cemento.

Questo è il vero motivo per cui i Puc non verranno mai approvati e le salvaguardie mai applicate e l’Ente Regionale non subentrerà ai comuni inadempienti.

Il sistema è collaudato e serve a far circolare denaro, reinvestirlo, fargli cambiare forma, sostanza, ripulirlo dai guadagni di attività illecite.

Le clientele sono clientele poi c’è il mercato elettorale, gli amici degli amici e le cambiali da onorare.

Non è un caso, insomma, se nel corso delle perquisizioni legate all’inchiesta di Sant’Antimo, i carabinieri del Ros hanno trovato oltre 43mila euro in contanti nell’abitazione del responsabile dell’ ufficio tecnico del comune.

Il funzionario pubblico risponde di diversi reati tra i quali anche la turbata libertà dell’incanti gravati dalle finalità mafiose.

La somma in banconote di diverso taglio era stata sistemata in piu’ parti della casa.

Arnaldo Capezzuto

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi