Opicificio abusivo, scatta sequestro della Finanza

Una fabbrica impegnata nella produzione di capi di abbigliamento sportivo a marchio Adidas, ma abusiva. E’ la scoperta della Guardia di Finanza di Napoli a Somma Vesuviana. L’opificio era in un locale di 100 metri quadrati.

Denunciati per contraffazione e attivita’ di gestione di rifiuti non autorizzata quattro cinesi residenti tra Somma Vesuviana e Terzigno. I finanzieri, insospettiti dall’assenza di insegne per il riconoscimento dell’attivita’, sono entrati e hanno constatato che la fabbrica era dotata di attrezzatura per l’assemblaggio della merce e che vi erano persone originarie delle province cinesi Fujian e del Liaoning impegnate a cucire tute.

Rinvenuti e sequestrati piu’ di 1000 capi contraffatti, materiale idoneo al confezionamento di vestiti, 19 macchine elettriche di ultima generazione utilizzate per la cucitura, 6 banchi da lavoro, 625 rotoli di cotone e 760 di stoffa elastica, 13.000 etichette di stoffa con false scritte “Made in Italy”, 600 parti di stoffa ritagliate e utilizzate nella cucitura delle tute.

La lavorazione avveniva senza il rispetto di norme igieniche e mediante una gestione illecita di rifiuti; trovati, infatti, circa 20 metri cubi di scarti di lavorazione accantonati a terra. Sequestro per l’intero sito di produzione e di tutto il materiale contraffatto e di scarsa qualita’ potenzialmente dannoso per la salute.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi