VIDEO. Anziana presa a schiaffi sull’autobus 151 per aver segnalato due giovani senza mascherina

L’emergenza si chiama trasporto pubblico. Napoli diventa la spia sul cruscotto di ciò che potrebbe accadere a settembre in tutte le metropoli italiane.

Pochi autobus circolanti, paseggeri stipati come sardine, rigide regole anticovid non rispettate. È il caos. Ecco il caso Napoli.

L’Anm, l’azienda napoletano di mobilità, è allo stremo. La situazione pre-covid era già tragica, solo per il rotto della cuffia si è evitato di portare i libri in tribunale. Ogni mese San Gennaro ci deve mettere la sua provvidenziale mano per racimolare i soldi per stipendi e per il carburante.

Quei pochi autobus circolanti possono garantire poche corse. Alle fermate, gli utenti sono imbufaliti, arrabbiati e sposarsi a Napoli è una vera e propria via Crucis quotidiana. Basta un niente per accendere la miccia.

Il fatto è accaduto sulla linea 151 che collega i quartieri dell’area flegrea con la stazione di piazza Garibaldi. Una tratta fondamentale ora ancora di più per lo stop alla linea 2 della metropolitana per urgenti lavori di manutenzione.

Una signora a bordo del bus redarguisce due giovani perchè non indossano la mascherina. Le grida raggiungono l’autista che ferma il mezzo e ordina a chi è sprovvisto di scendere. Parole più di circostanza. Sono le 20 e 30 e nessuno è disposto a rispettare il diktat. Il 151 è un carnaio altro che rispetto del distanziamento, si viaggia uno appiccicato all’altro.

Una vera bolgia. La signora insiste. La voce è affannata. Un adolescente seduto all’altezza della porta centrale risponde in malo modo: “A zia statti zitta. Basta. Pensa a campare”.

La donna reagisce e ne nasce un litigio. Il giovanissimo la minaccia: “Se non ti stai zitta ti butto giù da finestrino…”. La signora indomita si avvicina e faccia a faccia gli grida: “Portami rispetto, non ho paura di te, devi comportarti in modo educato e abbassa la voce”.

Quando tutto sembrava finito riscoppia il parapiglia. E approfittando dall’apertura della porta, l’adolescente spintona e schiaffeggia la donna. Scene assurde, gravi anzi gravissime. Cosa ci aspetterà a settembre?

La mobilità pubblica al tempo del Covid è la vera grande sfida con cui le grandi città dovranno fare i conti. Ecco, come? Napoli non ha un soldo in cassa. Se non è dissesto formale lo è nella sostanza.

Una città abbandonata, in agonia, affamata, umiliata, piegata sulle ginocchia, moribonda. Napoli è un caso nazionale e qualcuno dovrebbe metterci mano. Il sistema non regge. La mobilità va ripensata, le linee Anm vanno rinforzate, istituiti controlli e sorveglianza a bordo.

A Napoli il tempo sembra scaduto, qualcuno del Governo si assumerà questa responsabilità?

Arnaldo Capezzuto

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

2 1
0 %
Happy
100 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi