L’ultimo abbraccio al carabiniere ucciso. Ovazione per il ministro Salvini

Gremita all’inverosimile la chiesa di Santa Croce di Santa Maria del Corso a Somma Vesuviana dove è giunta avvolta nel tricolore la bara con la salma del vice brigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega, 35 anni, brutalmente ammazzato con 11 coltellate.

Oltre un migliaio di persone hanno seguito il funerale dell’militare dell’Arma all’esterno della chiesa dei francescani.

Uomini delle forze dell’ordine, preti, tra cui padre Maurizio Patriciello, gente comune, parenti e amici ma anche chi non conosceva il carabiniere ed è giunto da Napoli apposta per rendergli omaggio. Proprio in questa chiesa, il 13 giugno scorso, Mario si era sposato. Vita la folla dei fedeli, i volontari della Protezione Civile sono impegnati in supporto.

Sul piazzale esterno, sono allineate le corone di fiori del presidente della Repubblica, dei presidenti del Senato e della Camera, del ministro della Difesa, del comando generale dell’Arma dei carabinieri e della compagnia Roma Centro, alla quale apparteneva il militare.

Il picchetto di onore dei carabinieri, in alta uniforme, renderà gli onori a Cerciello Rega. La cerimonia funebre è stata officiata dall’Ordinario militare monsignore Santo Marcianò.

Il feretro è arra dal tricolore, il berretto, la sciabola, le foto di Mario con la moglie che ricorda il loro matrimonio e fiori nuziali. Non manca la maglietta del Napoli quella autografata da Lorenzo Insigne. Tocca a Rosa Maria Esilio, la giovane vedova, a fine celebrazione ha letto una preghiera molto toccante dedicata al suo Mario che sognava di diventare papà. Sogno infrando dalla crudeltà e ferocia.

Anche il comandante dell’Arma dei carabinieri, generale Giovanni Nistri ha letto la preghiera del carabiniere. In chiesa c’erano gli amici di sempre di Mario e i componenti dell’associazione cavalieri di Malta della quale, il giovane vice brigadiere, faceva parte per svolgere attività di volontariato.

Una vera e propria ovazione ha accolto il ministro degli Interni Matteo Salvini. Applausi per il capo del Viminale non ha appena varcato la soglia d’ingresso della chiesa di Santa croce di Santa Maria del pozzo a Somma Vesuviana.

Sono arrivati – ma non accolti con stesso entusiamso – anche il vicepremier Luigi Di Maio e il presidente della Camera Roberto Fico. Poco prima erano arrivati anche il vicepresidente del Senato Ignazio La Russa, la parlamentare del Pd Roberta Pinotti e il sottosegretario alla Difesa Angelo Tofalo.

Presenti anche la medaglia d’oro al valore militare Gianfranco Paglia e il sindaco di Roma Virginia Raggi. Palloncini bianchi con un cuore viola è la scritta “Ciao Mario” sono stati liberati da un gruppo di giovani all’uscita del feretro dalla chiesa.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi