Droni attaccano i giacimenti di petrolio dell’Arabia Saudita: ci saranno conseguenze gravi

Un attacco 4.0 con l’uso di droni radiotelecomandati che hanno messo nel mirino l’impianto petrolifero tra i più grandi al mondo.

I piccoli aerei sono riusciti ad eludere le rigide misure di sicurezza e si sono scagliati contro un impianto di raffinazione di 7 milioni di barili al giorno.

E nel mirino è finito anche una seconda struttura di estrazioni con la media di 1 milione di barili al giorno.

La controffensiva è scattata alla vigilia di un possibile, incontro sul nucleare tra Donald Trump e il presidente iraniano Hassan Rohani.

E nel corso dell’assemblea generale dell’Onu, gli Usa hanno puntano il dito contro Teheran per gli attacchi con droni.

I raid però sono stati ufficialmente rivendicati dagli Houthi, i ribelli yemeniti alleati della Repubblica islamica.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi