Propaganda Live, Mirko licenziato da Zoro. “Lo spogliatoio protesta, tanta pace interiore”

A Propagandalive sui titoli di coda in chiusura trasmissione con le 10 hit social è andato in onda il divorzio tra Zoro e Mirko.

Il tassista corpulento con capelli e barba rossiccia conosciuto ai tempi di Gazebo, diventato personaggio a playmaker poi a Propagandalive su La 7 da settimane era scomparso dai radar.

Mirko Matteucci, infatti, da quando è finita l’edizione della scorsa stagione della trasmissione cult, è praticamente scomparso. Si è parlato di giallo, di una trovata degli autori della trasmissione nulla di tutto questo.

A chiarire i termini della vicenda è stato lo stesso Diego Bianchi in arte Zoro.

 

“Mirko sta bene. A noi dispiace questa situazione che si è creata – spiega – durante l’estate ci si è sentiti poco. Da parte sua non c’è stato nessuno spontaneo movimento verso la nostra squadra”.

“Pensava che cominciata la partita, con la prima puntata Mirko si facesse sentire – aggiunge con un pizzico di commozione – fiduciosi abbiamo atteso anche la seconda ma nulla”.

“Per evitare che nello spogliatoio si creano dei malumori ormai la squadra è questa – conclude Zoro – e allora diciamo buona fortuna a Mirko e tanta tanta tanta pace interiore”.

Nelle parole di Diego Bianchi si è intravista nettamente la delusione e una malcelata rabbia. Forse, per lo spirito di gruppo del programma sarebbe stato meglio chiarirlo fin dalla prima puntata, così non è stato.

Giulia Rosati

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

2 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi