Ex Ilva scende in campo Mattarella: subito vertice a Palazzo Chigi con Mittal

A bloccare e strappare la proessa di far risedere al tavolo i manager Mittal sia stato un intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Tra ricorsi, denunce e contro denunce a imporre un colpo di freno pare che sia stato proprio il Quirinale con un’azione silenziosa e di mediazione oltre che l’offensiva giudiziaria delle procure di Milano e Taranto.

Due iniziative che hanno indotto i franco-indiani a tornare al tavolo e cominciare a parlare di ex Ilva vagliando delle ipotesi e per ora fermando il minacciato spegnimento degli alto forni.

I manager del colosso dell’acciaio che ha deciso di abbandonare l’ex Ilva di Taranto, ritorneranno a palazzo Chigi. Dall’ultima volta sono passati dodici giorni, un tempo lunghissimo dove nel frattempo sembra non fermarsi l’intento di smantellare il sito produttivo di Taranto.

Mattarella ha bloccato la fuga di Mittal. Il rimo segnale è stato l’incontro irrituale al Quirinale con i leader di Cgil, Cisl e Uil. Il Capo delo Stato ha preso la decisione di far sentire la propria voce perchè stufo di assistere al pantano delle liti tra partiti dell’alleanza overno: scudo si o scudo no.

L’Ilva è un problema nazionale e va risolto perchè è in ballo la coesione sociale. Si lavoro anche al piano B con il premier Giuseppe Conte e il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri che hanno avuto un lungo incontro con i vertici di Cassa depositi e prestiti e il compito di sostenere l’ex Ilva con un finanziamento.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi