Il Pd ci prova e tenta di ‘aprirsi’ guardando alle Sardine, i delusi del M5S e all’associazionismo

Il partito democratico di Nicola Zingaretti tenta un balzo in avanti. Stabilizzato nei sondaggi – almeno non perde consensi – si attesta al 20 per cento tenta di voltar pagina.

Non è un caso se Nicola Zingaretti annuncia il cambio di nome e l’inclusione o quanto meno l’avvio di un processo di apertura verso la società civile.

Lo sguardo è proteso verso le esperienze delle sardine e dell’associazionismo e guardano a quel pezzo protestatario – ex area di sinistra – in uscita dal Movimento 5 Stelle.

L’operazione – si spera – non sia di facciata ovvero nell’edificare l’ennesimo contenitore.

Ciò che gli osservatori politici reclamano è il software, mettere dentro idee, progetti, iniziative politiche di ampio respiro e riformatrici.

È l’unica strada per far asciugare l’acqua del sovranismo e populismo spinto alla Matteo Salvini e alla Giorgia Meloni.

Occorre capire se ci sono i margini e più che altro misurare il vero stato di salute del Pd dopo il voto delle regionali.

Pier Paolo Milanese

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi