1 0
Reading Time: 2 minutes

“Siamo in attesa della convocazione del tavolo della nostra vertenza da parte del ministro dello Sviluppo Economico. Fanno solo chiacchiere. È un governo di pagliacci e non sono all’altezza di risolvere i problemi. Per noi possono andare anche a casa”.

Riscoppia la rabbia dei lavoratori della Whirlpool di Napoli. Nel corso dell’assemblea presso lo stabilimento di via Argine la rabbia è montata fino a quando gli operai in corteo si sono diretti ai caselli dell’autostrada ed hanno bloccato la circolazione veicolare.

Non sono mancate le tesioni con le forze dell’ordine giunte con tre blindati e agenti disposti in stato antisommossa.

I dipendenti dello stabilimento di Napoli sono sospesi nel limbo e in pratica abbandonati al proprio destino. Il mese di marzo si avvicina e con esso la chiusura del sito produttivo.

“Sono 60 anni che produciamo lavatrici ed elettrodomestici – spiegano – non crediamo all’ipotesi della riconversione e neppure alla storiella della vendita”.

La tensione, l’ansia e la rabbia sono palpabili. Qui nessuno si era iluso che la vertenza rientrasse ma almeno si sperava che il Mise mantenesse gli impegni presi.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi