Su Raiuno, ‘La vita in diretta’ sguaina la telecamera per dare la caccia ai poveri di Napoli ‘dei panari solidali’

L’augurio è che dopo il flagello del Coronavirus nulla sarà più uguale a prima. Almeno si spera anche in tv.

La Rai cioè il servizio pubblico quello finanziato anche attraverso il canone tv – specialmente nella fascia pomeridiana – ha mostrato pressapocchismo, improvvisazione e nulla di giornalistico per affrontare gli effetti collaterali da Covid19.

A "La vita in diretta" su Rai1 è andata in scena una pagina di giornalismo pressapochista e di scarsa umanità indecorose della TV di Stato.La collega in diretta da Spaccanapoli nel parlare della splendida iniziativa "dei panari solidali", non solo non ha avuto il tatto di non inquadrare la persona in stato bisogno che prendeva i generi alimentari (andando quasi a scavare nella panaro con tanto di disagio della malcapitata) ma ha dimostrato di essere di una preparazione non degna della prima rete della TV pubblica.Il nostro San Giuseppe Moscati è diventato San Giuseppe Moscardino: nella Rai che ho conosciuto da bambino, tanto impreparazione e tanta disumanità non esistevano.

Pubblicato da Marcello Framondi su Mercoledì 8 aprile 2020

Prendi il contenitore ‘La vita in diretta’ su Rai1 condotto dal miracolato – in quota grillina – Alberto Matano e l’ex soubrette – folgorata sulla strada del Sovranismo -, Lorella Cuccarini, ogni santo giorno, contribuiscono ad abbassare il livello già mediocre della Tv di Stato.

Oggi in collegamento da Napoli, una ‘inviata per caso’ ha raccontato le storie di povertà parlando ‘dei panari solidali’.

Tra sensazionismo, spettacolarizzazione, insensibilità e soliti clichè con telecamera sguainata, non solo l’inviata de ‘La vita in diretta’ non ha avuto il tatto di evitate di inquadrare il volto della persona in stato bisogno ma ha zoomata persino i generi alimentari prelevati dal ‘panaro della solidarietà’.

L’apice della vergogna si è raggiunto quando si è confuso San Giuseppe Moscati con San Giuseppe Moscardino. Si resta alquanto impressionati e la domanda : “A cosa serve la ‘La vita in diretta’ se racconta i fatti in questo modo?”.

La città di Napoli come sempre, nella sua grandiosa generosità, accoglie proprio tutti anche gli scemi.

Ar.Cap.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

80 19
35 %
Happy
31 %
Sad
0 %
Excited
19 %
Angry
15 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi