Manifesti selvaggi del grillino e consigliere uscente Luigi Cirillo. È ansia da prestazione?

Come si cambia per non morire. I sondaggi sono impietosi e i tre/ quattro punti in meno del M5S potrebbero compromettere la riconferma di molti consiglieri regionali uscenti.

Tra questi figura – secondo le analisi – il nome di Luigi Cirillo, il più giovane consigliere di sempre eletto in Campania.

Foto da Stabia24.net

L’appeal del Movimento 5 Stelle non è più lo stesso, la candidata presidente Valeria Ciarambino appare debole, poco attrattiva, divisiva e in più manca l’effetto novità.

Cirillo e altri uscenti sono in grosse difficoltà anche perchè in lista ci sono candidati come Lucariello e Alessandro Cannavacciuolo che si stanno facendo apprezzare.

Luigi Cirillo

Insomma, ansia da prestazione e timori di uscire dai giochi stanno condizionando molto la campagna elettorale degli uscenti.

E allora alcuni, Luigi Cirillo è tra questi, stanno pigiando al massimo il piede sull’acceleratore della propaganda: inserzioni a pagamento sui social, manifesti, spazi a 5 stelle, volantini, banchetti, bigliettini.

E pensare che il pubblicizzare il proprio nome era bandito nel M5S di Gianroberto Casaleggio che predicava la squadra e il lavoro collettivo.

Invece, è proprio cambiato tutto. Il M5S si comporta come un partito vero e proprio, aggredendo il mercato dei voti e facendo una asfissinate propaganda spot.

Capita che Cirillo nella sua Castellammare faccia affiggere i manifesti in modo selvaggio fregandosene degli spazi assegnati e occupando tutti i cartelloni compresi quelli di altre forze politiche.

Il consigliere uscente come sempre di fronte alle critiche dirà : “La colpa non è mia ma di chi ha affisso i manifesti”.

Sta di fatto che Cirillo sarà anche giovane ma i metodi usati sono quelli della vecchia e infausta politica.

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

1 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi