Crollo arco, Archeo Club d’Italia:”Occasione persa”

“La distruzione del piccolo approdo di epoca borbonica a Napoli rappresenta l’ennesima opportunità persa. A questo punto è necessario condividere un tavolo tecnico operativo nazionale composto anche da esperti e conoscenti del mondo dell’associazionismo”.

È quanto afferma Rosario Santanastasio, presidente nazionale di ArcheoClub d’Italia, in merito al crollo dell’arco borbonico sul lungomare di Napoli.

“Quello che è accaduto – spiega – rappresenta solo uno dei tanti eventi e fenomeni che possono potenzialmente accadere ed è necessario prevedere un vero e proprio piano Marshall di valorizzazione, promozione, ma principalmente di salvaguardia e, certamente, l’opportunità del Recovery fund è da non perdere”.

“Conosciuta con il nome ‘Chiavicone” nella fine del ‘700, la foce della fogna principale cittadina era un fiumiciattolo che attraversava la lercia spiaggia del Chiatamone. Nell’800 il tratto del chiavicone fu interrato e fu realizzato l’arco a far da frangiflutti e a fine Ottocento, con la realizzazione di via Partenope, l’arco fu utilizzato come punto di appoggio di piccole barche di pescatori”.

“L’approdo borbonico – ha proseguito Santanastasio – quello vero, era a via Santa Lucia di cui non vi sono più tracce. Rammaricarsi il giorno dopo e lamentarsi del fatto che si poteva fare ma non si è fatto nulla! Le nostre radici si perdono e noi stiamo a guardare impotenti, ma così non può funzionare ed è inammissibile che la nostra memoria storica si perda”.

“Sarebbe bastato poco per arginare e risolvere il problema, ma non si è fatto nulla ed ora c’è il solito scaricabarile! Personalmente era un punto di riferimento, nel senso che quando potevo andavo a verificare il ‘malato’ beh ora è caduto in guerra…perché le istituzioni gli hanno fatto la guerra!”.

“Questo è stato il mio pensiero di primo acchito, ma va da sé che, al di là delle polemiche del momento, si deve andare oltre. Il tema è complesso, soprattutto non di semplice risoluzione, ma non per questo non da attenzionare e rivalutare solo e soltanto con le continue e costanti emergenze. Agire in emergenza o somma urgenza non è più sostenibile si deve prevedere e pensare ad una giusta pianificazione e riqualificazione che contempli anche la salvaguardia del bene” – conclude la nota –

Metti un like alla nostra Fanpage

© Riproduzione riservata
www.ladomenicasettimanale.it

0 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise
Chiudi
Ascolta le notizie
Social profiles
Chiudi